IMPARARE E CRESCERE ANCHE A DISTANZA

Tirinnanzi a casa

Vagliare tutto e trattenere
l’essenziale
.

Anche nell’introduzione della didattica a distanza conseguente alla chiusura delle scuole dovuta all’emergenza Covid-19, al centro di ogni decisione abbiamo posto l’alunno, primo e principale bene della scuola, e il suo legame con il docente, fondamento e alimento di ogni relazione educativa e didattica.
Per farci prossimi agli studenti, siamo entrati nelle loro case e abbiamo intensificato il rapporto tra scuola e famiglia.

Alla primaria e alla secondaria di primo grado abbiamo raccolto informazioni relative alla situazione delle famiglie, alla situazione lavorativa dei genitori, alle dotazioni tecnologiche.

Abbiamo scelto di procedere a piccoli passi monitorando costantemente tempi e modi della nostra proposta, per non perdere nessuno.
La derivazione della parola “essenziale” sgombra il campo da un’idea minimalista: essenziale è ciò che non può mancare perché qualsiasi cosa sussista.
Per ogni disciplina abbiamo ricercato ciò che è “essenziale”, cioè imprescindibile che i nostri studenti conoscano e le modalità per insegnarlo in un contesto diverso.
La progettazione e la preparazione delle lezioni, così come la definizione dei contenuti essenziali da svolgere in tempi di didattica on line, il bilanciamento del tempo delle lezioni dal vivo e quelle registrate, la quantità di lavoro da inviare agli studenti è oggetto di valutazione continua da parte del Collegio Docenti affinché l’offerta sia ragionevole e tenga conto dei bisogni dei ragazzi.

Maestri anche a distanza

L’educazione non si esaurisce con l’istruzione.

Durante le prime settimane gli insegnanti sono stati impegnati a riformulare contenuti, metodi e strumenti per la scuola online, disciplina per disciplina, guidati da un criterio di essenzialità con l’intento di fare una proposta accessibile a tutti, sempre attenti all’impatto che le nuove metodologie didattiche avrebbero avuto sugli studenti.
Superato lo smarrimento iniziale, con tenacia e dedizione, hanno dato prova di una grande operosità, usando in modo creativo ed efficace le nuove tecnologie per dare continuità al percorso didattico avviato prima della pandemia ma soprattutto con il desiderio di accompagnare gli studenti ad un lavoro serio che vinca la tentazione di vivere sospesi in attesa di tempi migliori.
Non possiamo dimenticarci infatti che il nostro “fare scuola” oggi si inserisce in un contesto difficile: alcuni dei nostri studenti hanno perso, o hanno vissuto la paura di perdere, parenti e amici ed è proprio questa consapevolezza che muove gli insegnanti a cercare una proposta didattica piena di significato, “perché l’educazione non si esaurisce con l’istruzione: c’è in gioco una domanda di senso a cui nessuno può sottrarsi” e non esiste apprendimento senza la compromissione e la sollecitazione della libertà del ragazzo e della sua responsabilità personale.

Scuola primaria

Prevede attività in modalità asincrona e sincrona pensate tenendo conto dell’età degli studenti e delle loro capacità di attenzione e tenuta.

L’orario delle attività sincrone, distribuito tra mattina e pomeriggio, è stato predisposto con l’attenzione ad evitare sovrapposizioni tra classi e gruppi con fratelli in comune, per andare incontro alle numerose richieste dei genitori che dispongono di un numero limitato di dispositivi in casa.

Attività sincrone
  • 1 o 2 appuntamenti giornalieri con l’intera classe o con la classe divisa in due gruppi per le classi III, IV e V e con gruppi da 4 alunni, per le classi I e II.
  • Video chiamate individuali, alunno-insegnante, in continuità con i percorsi personalizzati avviati durante la scuola in presenza.
  • 1 ora di lezione a settimana d’inglese a classe intera o divisa in gruppi anche con la presenza dell’insegnante madrelingua e 1 lezione per gruppi più piccoli.
  • 1 ora di lezione a cadenza bisettimanale per arte, musica e motoria per non costringere gli alunni ad un’eccessiva esposizione al video.
Attività asincrone

Tanti materiali preparati dagli insegnanti a disposizione attraverso la piattaforma Sharepoint di Microsoft e divisi in cartelle per settimane, giorni e per materie: audio di lettura, dettati, presentazioni con audio e video, schede, esercizi, presentazioni ppt, giochi didattici, etc…

Secondaria di I grado

Prevede attività in modalità asincrona e sincrona.
Le lezioni in diretta servono per sentirci vicini ai ragazzi, per dialogare con loro, per offrire un appuntamento nella giornata che dia loro un ritmo nella quotidianità. Dal punto di vista didattico permettono di continuare ad insegnare ed imparare i contenuti imprescindibili individuati nella
programmazione per materie.

Attività sincrone

3 ore di lezioni online quotidiane, dalle 9 alle 12.15, secondo un orario definito ogni settimana.
Ogni ora di lezione viene attentamente programmata e preparata anche attraverso la creazione di nuovi strumenti o l’individuazione di modalità didattiche differenti. In particolare, per alcune discipline, si sono rivelati molto utili i metodi del flipped learning e del cooperative learning.

Attività asincrone

Accanto alle lezioni online gli studenti hanno a disposizione sulla piattaforma Teams molti altri materiali (video, presentazioni ppt, spartiti…) e le cartelle contenenti i compiti assegnati e i consigli per svolgerli nel modo più adeguato.

Liceo

Anche nella condizione “facilitante” di avere a che fare con studenti “grandi”, autonomi e indipendenti nell’uso degli strumenti digitali è stato però fin da subito evidente che non è pensabile trasferire meccanicamente il modello organizzativo della scuola in presenza (anche in termine di ore e di disposizione delle discipline nell’arco della giornata) nella modalità di scuola online.
La lezione “digitale” deve continuamente variare il tipo di attività, si devono alternare momenti di spiegazione ad attività di esercitazione o dialoghi sui contenuti sollecitati da questionari o letture di testi, a presentazioni di argomenti da parte degli studenti stessi…

ESAME DI STATO 2020

La situazione che stiamo vivendo ha inevitabilmente
modificato anche l’esame di maturità.
Leggi l’approfondimento

Attività sincrone

E’ stato ridotto il monte ore settimanale di alcune discipline.
4 ore giornaliere, evitando i blocchi di due ore consecutive della stessa disciplina, mantenendo tutte le discipline del piano di studi ma privilegiando le materie fondanti il percorso liceale.

Attività asincrone

Accanto alle lezioni online gli studenti hanno a disposizione sulla piattaforma Teams molti altri materiali e le cartelle contenenti i compiti assegnati e la restituzione degli stessi una volta svolti.

La scelta degli strumenti didattici

L’Istituto Tirinnanzi utilizza la suite Office365 di Microsoft per la gestione della didattica a distanza.
Gli strumenti di Office365 sono parte del sistema informativo della scuola e sono usati come supporto alla didattica da molto prima di questo periodo di emergenza, quindi, alla chiusura della scuola, è stato naturale e immediato attivare l’utilizzo di Sharepoint, Teams, Stream e delle altre applicazioni anche per l’erogazione della didattica a distanza senza dover ricercare altre soluzioni di fortuna.
Office 365 è un ambiente chiuso e protetto, gestito direttamente dalla scuola. L’utilizzo degli strumenti di Microsoft per la didattica, benché avvenuto a seguito di un’emergenza improvvisa e imprevista, non è stato “calato” senza criterio: ogni passaggio, in ogni livello scolastico, è stato pensato, ponderato, pazientemente introdotto, per dare a tutti – principalmente agli allievi – il tempo di adattarsi alla nuova situazione.

La valutazione

Valutare è una dimensione fondamentale di ogni rapporto educativo e didattico. Attraverso la valutazione, l’insegnante accompagna l’alunno a riconoscere a che punto è del suo percorso d’apprendimento: lo aiuta a individuare conoscenze, competenze e abilità raggiunte nelle diverse discipline, gli indica i passi mancanti e lo sostiene a prendere sul serio l’impegno necessario per continuare il lavoro…” (dal Ptof 2019/2022)

Anche in questa circostanza di scuola a distanza, la valutazione risponde al bisogno di ogni alunno di vedere giudicato il proprio lavoro, giudizio che è un fattore fondamentale della crescita di ciascuno.  La nuova modalità di fare scuola ci ha costretti a rivedere i criteri di valutazione e a scegliere una valutazione meno centrata sulla misura degli apprendimenti e più attenta ad osservare come l’alunno apprende.

In attesa di avere indicazioni dalle autorità preposte, osserviamo che questo nuovo modo di insegnare ci introduce anche ad un nuovo modo di valutare, più orientato a valorizzare ciò che c’è e ciò che accade invece che rilevare ciò che manca.

Si sono introdotti criteri di valutazione diversi oltre al livello di apprendimento delle conoscenze, tra i quali la partecipazione dell’alunno ai momenti di lezione, la puntualità e la precisione nel rispondere alle consegne date, la capacità d’intrapresa, la collaborazione proficua al momento della lezione.

Bisogni educativi speciali

L’avvio della scuola online ha richiesto una maggior attenzione alle situazioni dei singoli studenti e delle loro famiglie. In particolare, si è dovuto porre attenzione agli studenti con Bisogni Educativi Speciali. Previo accordo con la famiglia, in una logica di totale personalizzazione, ciascun alunno, in rapporto costante con gli insegnanti (insegnante di sostegno, in collaborazione con il  team di docenti della classe) e con gli educatori riceve materiali sulla piattaforma per le attività asincrone e partecipa a lezioni quotidiane sincrone sia con il gruppo classe, sia in rapporto 1/1 con l’insegnante di sostegno.

Nessun alunno è escluso dal lavoro, c’è una proposta per tutti e per ciascuno.

Relazioni scuola-famiglia

Anche con la scuola chiusa,
la Segreteria e l’Ufficio Amministrativo
sono a disposizione.

Contattaci

Da quando non sono i ragazzi ad andare a scuola, ma è la scuola che va in casa dei ragazzi, il rapporto scuola famiglia si è intensificato.
Alla scuola primaria, per l’età dei nostri alunni, la scuola non può fare nulla senza il coinvolgimento della famiglia. In questi mesi, giorno dopo giorno, è cresciuta quindi la relazione insegnanti – genitori. Ogni lezione è un’occasione d’incontro anche con i genitori che si sentono accompagnati a stare con i loro figli, in un momento in cui tutto è più complicato e faticoso.
Non mancano in tutti i livelli di scuola le forme d’incontro più istituzionali: consigli d’istituto, assemblee dei rappresentanti di classe, assemblee di classe, colloqui individuali con tutti i docenti. Tutto si svolge sulla piattaforma Teams, previo invio link di convocazione.
I docenti, la direzione, la segreteria e l’ufficio amministrativo sono sempre a disposizione delle famiglie.

Sostegno psicologico alle famiglie nel periodo dell’emergenza:

Per esprimer ancor più la vicinanza a famiglie e studenti in questo momento di difficoltà abbiamo pensato di rendere fruibile in via telematica il servizio di consulenza psicologica e psicoterapeutica presente all’interno della nostra scuola.

E’ possibile avvalersi di un confronto competente e qualificato con il nostro psicologo dottor Luca Luigi Ceriani, in questo momento in cui le ansie, le paure e le preoccupazioni che stiamo affrontando ci mettono alla prova: come comunicare ai bambini e ai ragazzi il momento che stiamo vivendo? Come sostenerli in modo autorevole e sereno? Con quali strumenti?

Il dr Ceriani, che è da qualche anno consulente della nostra scuola, ha già avuto modo di lavorare in contesti emergenziali e può mettere a disposizione delle famiglie la sua competenza professionale.

L’accesso alla consulenza avviene tramite gli strumenti di comunicazione audio-video attivati all’interno del sistema informativo scolastico, nel rispetto assoluto della privacy e del segreto professionale definiti dal codice deontologico dell’Ordine degli Psicologi.

Il dottor Ceriani è contattabile tramite l’indirizzo e-mail attivo specificamente in questo periodo d’emergenza: luca.ceriani@istitutotirinnanzi.it.

Fondo di solidarietà

“La Carovana”

Poiché la scelta educativa per noi è un bene irrinunciabile e desideriamo continuare, pur dentro tante difficoltà “ordinarie” e “straordinarie”, a fare scuola, abbiamo costituito il Fondo di solidarietà “La Carovana” che è destinato alle famiglie che a causa dell’emergenza legata al Covid-19 si trovino in difficoltà a sostenere il costo della retta, ma non vogliano rinunciare al progetto educativo cominciato.

L’ammontare del Fondo di solidarietà potrà anche essere incrementato dalla Vostra libera partecipazione effettuando un versamento libero sul c/c IT 52 F 05034 20211 0000 0000 1100 intestato a “Cooperativa La Carovana”, specificando come causale “Contributo al Fondo di Solidarietà La Carovana”.

 

Tali contributi – in quanto destinati a ente no-profit – potranno essere dedotti o detratti nella dichiarazione dei redditi.

Eventi a distanza

Il distanziamento sociale causato dall’emergenza Covid19 ci costringe a ripensare ai tradizionali eventi organizzati dall’Istituto Tirinnanzi.

Il desiderio di vivere insieme gesti e momenti che fanno parte della storia e dell’esperienza educativa della scuola ci porta quindi necessariamente online per incontrarci tramite il sito e il canale YouTube dell’Istituto Tirinnanzi.

Parola all’esperienza durante la chiusura per il Coronavirus

il MIUR comunica la sospensione di tutte le visite didattiche e dei viaggi d’istruzione e la Regione Lombardia chiude scuole e luoghi di aggregazione da lunedì 24 febbraio a venerdì 6 marzo. L’Istituto Tirinnanzi avrà cura di comunicare costantemente alla propria comunità scolastica tutti i......

Nel 2007 Diessefirenze ha istituito per i ragazzi delle scuole medie Le Vie d’Europa, il Convegno interdisciplinare su un autore anglosassone, che prevede anche un concorso. A questa quattordicesima edizione è stato assegnato il titolo “Oscar Wilde: Worlds had to be in travail, that the meanest flower might......

In queste settimane di scuola a distanza, diversi ragazzi di quinta mi hanno segnalato che si stavano annoiando. Quest’anno, uno degli argomenti che avremmo messo a tema sarebbero stati proprio gli stati d’animo; ho quindi pensato di accettare la sfida e di provocarli su questo.......

In questi mesi, la scuola è entrata nelle case dei nostri studenti ed è diventata una presenza quotidiana che ha coinvolto non solo i bambini, ma anche le loro famiglie. La classe è diventata accessibile a gruppi allargati di persone che necessariamente si sono trovati......

Siamo alla fine di un’altra settimana di chiusura della scuola, ma grazie alla tecnologia abbiamo trovato il modo di stare con i bambini che sono sempre presenti alla nostra mente, ma soprattutto al nostro cuore. Noi insegnanti riusciamo a sentirci e a vederci grazie alle video-riunioni......

In queste settimane, in cui ci siamo dovuti fermare, stiamo lavorando per allenare l’occhio a guardare con sempre più attenzione ciò che ci circonda! Abbiamo così proposto un corso di fotografia per accompagnare i nostri studenti a cogliere e a trattenere uno scorcio di bellezza.......

La seconda raccolta degli scatti dei ragazzi dell’arca che hanno partecipato al corso di fotografia proposto per accompagnare i nostri studenti a cogliere e a trattenere uno scorcio di bellezza in queste settimane in cui ci siamo dovuti fermare, ma vogliamo tenere allenato l’occhio a guardare con......

  In queste giornate di  chiusura forzata e inaspettata delle scuole abbiamo cercato di riempire il tempo e scacciare ansia e delusione per il mancato viaggio a Roma con qualche messaggio, qualche foto. In questi giorni però abbiamo capito che la scuola è parte essenziale......

Grazie alle molteplici opportunità offerte dalla rete e da associazioni culturali, enti di divulgazione scientifica e molti altri, continuano, anche in tempi di isolamento domestico, per i ragazzi del Liceo Tirinnanzi le attività di approfondimento culturale su temi di carattere scientifico, filosofico, ambientale e molto......

La didattica

Ogni giorno l’alunno è invitato a crescere, dentro un rapporto con l’insegnante e nel confronto con il gruppo dei compagni, imparando attraverso le diverse discipline e attività.

SCOPRI DI PIÙ
Sedi e orari

La Scuola Primaria è presente a Legnano con L’Arca e a Cislago con la Don Luigi Monza.

SCOPRI DI PIÙ
Gli insegnanti

Il maestro introduce alla conoscenza ed è punto di riferimento e guida per ciascun alunno.

SCOPRI DI PIÙ
Iscriversi

Se sei interessato ad iscrivere tuo figlio alle scuole primarie L’Arca e Don Luigi Monza contattaci per avere maggiori informazioni, fissare una visita alla scuola e un colloquio con la direttrice.

SCOPRI DI PIÙ

Stai pensando di iscrivere il tuo bambino?