Esame di maturità

Quest’anno l’Esame di stato ritorna alla forma stabilita e introdotta nell’anno scolastico 2018/2019.

Delle deroghe previste negli scorsi anni, a fronte dell’emergenza pandemica, rimane solo l’esclusione dai requisiti di ammissione all’esame il completamento del monte ore previsto per le attività di PCTO, mentre la partecipazione alle prove Invalsi costituisce requisito indispensabile per l’ammissione.

Alla fine dell’anno scolastico sarà il consiglio di classe a determinare, sulla base delle valutazioni ottenute, l’ammissione agli esami degli studenti.

Anche per quel che riguarda la commissione d’esame si ritorna alla condizione pre-Covid: oltre a tre docenti della classe, la commissione sarà composta da tre commissari esterni e un Presidente esterno.

Confermato il colloquio che verterà principalmente sull’analisi e discussione in chiave interdisciplinare di un materiale proposto dalla commissione, sulla presentazione delle proprie esperienze di PCTO, sui contenuti del percorso di educazione civica e infine sulla discussione e correzione delle prove scritte.

 

PUNTEGGIO D’ESAME

Ritorno alla “normalità” anche per la definizione del punteggio dell’esame:

  • 40 punti sui 100 totali del voto d’esame saranno costituiti dal credito scolastico accumulato nel corso del triennio,
  • 20 punti per ciascuna delle prove scritte,
  • 20 punti il punteggio massimo che potrà essere attribuito al colloquio d’esame.