In viaggio con l’autore…. Luigi Ballerini alla scuola estiva della Kolbe

In viaggio con l’autore…. Luigi Ballerini alla scuola estiva della Kolbe

26 giugno: alla scuola estiva della Kolbe, un dialogo con Luigi Ballerini.

Da dove arriva la voglia di scrivere, di narrare?

Questa domanda ha dato il via all’incontro di Luigi Ballerini con i ragazzi della scuola estiva della Kolbe. Tra lo scrittore e gli studenti, che lo ascoltavano in videoconferenza, si è aperto un dialogo appassionato sulla figura dello scrittore e di tutti coloro che collaborano alla pubblicazione di un romanzo. Così abbiamo scoperto che le storie sono come le gatte…arrivano da sole e lo scrittore non deve far altro che accoglierle; che la scrittura è un atto d’amore verso la realtà, che deve essere colta nei particolari perché, in un racconto, sono i dettagli che fanno la differenza.

Quali sono le caratteristiche che deve avere uno scrittore? Curioso, impiccione, avido di conoscere, di osservare se stesso e gli altri: ecco come deve essere!

E poi si è parlato  di “Myra sa tutto”, l’ultimo romanzo di Luigi Ballerini… e subito è nata la voglia di leggerlo perché, come i giovani protagonisti del romanzo, noi non ci sentiamo fatti per stare nella “bolla” dove “siamo sempre belli, felici, entusiasti…”, dove stiamo sempre con quelli che ci piacciono e la pensano come noi… Un romanzo distopico che parla ai ragazzi, ma anche agli adulti ormai  immersi in un mondo in cui la libertà soffocata è da riconquistare.

Luigi Ballerini ci ha parlato della bellissima copertina, di come è stata scelta, del lavoro prezioso della sua editor…

E alla fine ci ha detto: “Imparate anche le cose inutili. Nulla è inutile. Siate curiosi della realtà, non fate solo quello che pensate vi farà ottenere successo. Cercate di uscire dalla sfera dell’utile e dell’inutile”.

Grazie, Luigi