Una buona notizia

Una buona notizia

Il 27 novembre ho consegnato nelle mani di Antonino Masuri un assegno di 3.350€.

Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito alla raccolta di una somma considerevole che andrà a favore della “Little Prince”, una scuola di Nairobi, a me molto cara.

La Little Prince è una scuola dentro Kibera, lo slum più grande di tutta l’Africa e il 2° nel mondo. Vi abitano 2,5 milioni di persone, per lo più bambini. Ogni nucleo familiare vive in baracche di 4m x 4m, con i muri di fango e i tetti in lamiera; manca l’acqua potabile e l’elettricità; mancano i sevizi igienici e il sistema fognario è inesistente. Le baracche sono circondate da rigagnoli di fango ed escrementi. In mezzo a questo inferno, sorge un angolo di Paradiso, la Little Prince. Superato il cancello della scuola, ci si trova in un altro mondo: tutto è pulito e ordinato, ci sono l’acqua e l’elettricità, ogni giorno c’è un pasto per tutti gli alunni. Gli adulti della scuola non si occupano solo di insegnare, fatto già straordinario, ma diventano per i più piccoli madri e padri. Il sorriso irresistibile stampato sul volto dei bambini è la miglior ricompensa per tutti coloro che si adoperano per dare vita a questo angolo di Paradiso in terra. Grazie al contributo delle famiglie delle scuole dell’Istituto Tirinnanzi, questi bambini potranno anche gustare la bellezza della musica. In questi giorni in cui siamo “attaccati” da notizie tragiche, e assistiamo impotenti agli effetti devastanti dell’odio, questo dono è una buona notizia. Grazie a tutti di cuore.

Con gratitudine e affetto,
Paola Balducci

Di seguito potete leggere la lettera di Antonio Masuri, indirizzata agli amici del Tirinnanzi, che racconta la nascita della Little Prince.

Un saluto dal Kenya